Deprecated: wpseo_opengraph è deprecata dalla versione 14.0! Utilizzare al suo posto wpseo_frontend_presenters. in /home/pcczoxpb/public_html/wp-includes/functions.php on line 5088

La Terrazza Sorrento

Blog

costiera amalfitana

L’inverno è un buon periodo per visitare la Costiera Sorrentina

Affollata in Estate, sublime in Inverno.

Uno dei motivi, o forse il motivo principale, per scegliere di andare in Costiera Amalfitana e Sorrentina in pieno inverno, piuttosto che le folle d’estate è il traffico. La congestione sulla strada da Napoli a Sorrento, e da lì a Salerno, è notoriamente terribile nella stagione calda. Ma i blog e i forum concordano tutti sul fatto che il traffico diminuisca dopo ottobre.

sorrento christmas
sorrento christmas

Siamo atterrati a Napoli appena dopo le 18:00 il 26 dicembre. Siamo arrivati ​​a Sorrento poco prima delle 21:00. La distanza è di 50 chilometri. Il traffico era orribile.

Puoi sopportare un’accoglienza del genere se, quando arrivi dall’altra parte, c’è

a) un drink,

b) un buon pasto,

c) un bel letto.

Piazza Torquato Tasso a Sorrento era affollata. Il fulcro era un albero con un cono perfetto che si innalzava per 12 metri nella notte chiara e fredda. Luci bianche scendevano lungo i suoi fianchi tra fasce di delicata luce rosa e blu. Era un albero di Natale italiano: non fanno le vertigini.

La piazza è il cuore di una città italiana e nel cuore del cuore c’è un caffè. Nel caso di Sorrento è il Fauno Bar. Il design è in stile art déco, l’atmosfera che si ottiene in una allegria formale quando gli italiani in bellissimi cappotti e sciarpe in cashmere sapientemente legati si uniscono per bere cioccolata calda, godersi una cena tardiva e spettegolare.

Ma noi avevamo solo occhi per una cosa: un negroni. Negroni è l’Italia in un bicchiere, inventata quasi 100 anni fa da un uomo fiorentino che pensava che i cocktail appena arrivati ​​dall’America alla fine del secolo fossero troppo vivaci per il maschio italiano. Quindi questo. Un’esplosione di gin, vermut, arancia e Campari e i piccoli nodi della spalla dovuti all’acido lattico che si erano accumulati dopo quella frustrante spinta furono vaporizzati.

Abbiamo coperto la necessità (b), un buon pasto, con carpaccio di manzo ( carpaccio di manzo ) e pizzaiola (carne cotta con pomodori, olio d’oliva, aglio e vino bianco) e gelato caprese nella vicina Gelateria Primavera.

Per (c), il letto, abbiamo dovuto fare una passeggiata attraverso una corsia incantata di abeti, luci scintillanti e pini di ombrelli. Alla fine abbiamo raggiunto le pareti candide e luminose, della nostra Casa Vacanze.

La nostra lunga terrazza si affacciava su una falce di luna e su una scintillante baia di Napoli. Tre ore erano state trascorse all’interno di una Fiat maledicendo camion e semafori; ma era stata una notte gloriosa.

Nel descrivere il resto di questa breve visita invernale in Costiera Sorrentina, è meglio chiarire una cosa: eravamo turisti e siamo andati in luoghi turistici. Non è così che si comportano gli scrittori di viaggi.

Se avessi seguito quel credo, ti avrei parlato dell’isola di Ischia piuttosto che di Capri; la città di Amalfi piuttosto che Positano; Oplontis piuttosto che Pompei; Monte Epomeo, ed il Vesuvio. Ma abbiamo trascorso tre giorni. Era fuori stagione. Capri, Positano, Pompei e il Vesuvio sono luoghi straordinari. C’erano i turisti. Perché non ci dovrebbe essere?

Amalfi Coast
Amalfi Coast

Ho letto blog “insider” e “locali” che sogghignano a Sorrento. Perché? Quindi ci sono negozi pieni di limoncello e ceramiche a tema limone e articoli da toeletta. Quindi incontrerai i ristoranti a menu turistico e le persone che ti attirano nei loro negozi di maglieria. Che ne dici?

Il liquore al limone è la specialità locale ed è delizioso; mentre il cibo è uniformemente eccellente (abbiamo avuto una passione per il Ristorante Zi’Ntonio in Via Luigi de Maio) e la maglieria di altissima qualità (prova Vanity in Via San Cesareo).

È l’Italia: preferiscono non produrre oggetti di scarsa qualità.

Inoltre, in questo periodo dell’anno, la maggior parte dei turisti sono italiani che non tollerano le cianfrusaglie. Scendono dal nord in cerca di giorni miti e quella cosa formale allegria che ho menzionato prima.

Il tipo di città turistica che ti abbatte è quello in cui alle persone non piace molto quello che vendono, né alle persone a cui vendono, e i turisti si sentono annoiati e molestati.

Le strade e i vicoli di Sorrento sono rumorosi, i negozianti si preoccupano dei loro beni ed in nessun posto c’è la fregatura. Questa si che è una città turistica.

Capri, d’altra parte, si sentiva come se l’inverno non fosse davvero la sua passione. È un buon momento per passeggiare fino alla grotta marina della Grotta Azzurra ed ai Giardini di Augusto. Ma molti ristoranti e negozi sono chiusi e la musica in sottofondo echeggiava un po ‘abbandonata per le strade pedonali di Anacapri. Ma ho preso una giacca di lino piuttosto carina ad un buon prezzo, proviamo e cambiamo qualcosa prima della primavera.

Positano, tuttavia, stava oscillando, e immagino che non si fermi mai davvero. Questo perché è superbo: un miscuglio di vecchie case di pescatori e piccoli palazzi che precipitano su perfette spiagge a mezzaluna giù dalla catena montuosa dei Monti Lattari in una profusione di arance rosse, banane e mandarini (e questo è solo il colore delle pareti).

Uno di quei prepotenti blogger ha detto: “Suggerimento n. 1: evitare di guidare da soli lungo la Costiera Amalfitana“.

Bene, siamo riusciti a guidare il più rapidamente possibile, il che significava “non molto”: non per via del traffico, ma perché continuavamo a fermarci lungo le piazzole per scattare selfie con la nobile sequenza di baie calcaree che si estendevano nel Mar Tirreno .

Abbiamo comprato piatti e tazze di Ceramica. Lasciai scivolare un po ‘la mia agenda e chiesi a Lorenzo, il proprietario, cospirazionalmente, se conosceva un bel posticino per pranzo, sai, non troppo turistico. Mi guardò confuso. ‘Mangia ovunque. Sono tutti abbastanza bravi. ‘

Quindi sentendoci un po ‘vergognosi abbiamo scelto il ristorante sulla spiaggia più ovvio, un posto chiamato La Cambusa. Avevamo spaghetti alle vongole perfetti e un bicchiere di rosé, ed eravamo felici come le vongole sul piatto rustico di fronte a noi.

Non riuscivo ancora a liberarmi di quel fastidioso credo di scrittore di viaggi, quindi ho insistito che siamo andati oltre Amalfi fino alle colline per vedere cosa potevamo trovare. Abbiamo trovato Scala, un villaggio piuttosto cupo, tipo Il nome della rosa, con un’imponente cattedrale risalente al IX secolo ed una vista del tramonto sulle montagne rosee. Andava molto bene, ma Positano è molto più divertente (e ho comprato anche delle scarpe scamosciate piuttosto buone lì: Boutique Carro in Piazza dei Mulini).

E prima di tornare a Londra: Pompei.

Perfino gli scrittori di viaggi con la faccia più imbarazzata ammettono che questo è un punto turistico che dovresti vedere. La mattina presto c’erano ancora lunghe file. Quando siamo usciti dal sito nel primo pomeriggio, se ne erano andati.

pompeii
pompeii

Non ho lo spazio o l’esperienza per aggiungere molto ai milioni di parole riversate su Pompei da quando una micidiale nuvola di cenere e un flusso piroclastico hanno distrutto la città nel 79 d.C. Suppongo che ognuno abbia i propri punti salienti.

Il mio era il design in stile cubo dall’aspetto contemporaneo dei mosaici nella Casa del Fauno, che sembrava che Escher fosse stato tondo per ritoccarli.

Secondo: le vedute del Vesuvio tra le colonne intatte e i resti frastagliati delle mura della villa – un assassino che osserva una scena del crimine per l’eternità.

Il Vesuvio ha ancora il potenziale per essere omicida, e salire sui fianchi di un vulcano che è statisticamente atteso da tempo un altro episodio esplosivo ti rende un po ‘traballante nella regione della pancia. Ma lassù a 1.200 metri alla fine di dicembre, i bisogni fisici più immediati prendono il sopravvento: come stare al caldo mentre gli dei di montagna scagliano venti gelidi intorno alla cima frantumata.

La Costiera Sorrentina, questo pezzo indescrivibilmente prezioso di immobili per il turismo internazionale, deve affrontare problemi reali. Il sindaco di Capri pensa che la sua isola “esploderà” se aumentano i 15.000 visitatori che vi arrivano ogni giorno d’estate. Un funzionario dell’Unesco ha avvertito che i turisti delle crociere che percorrono ogni giorno lo stesso percorso stavano “logorando” Pompei. Quindi aiutali a distribuire il carico. Vai in inverno. Abbiamo pensato che potesse piovere (non l’ha fatto). Sospettavamo che fosse freddo (non lo era, a parte il Vesuvio). Sapevamo che sarebbe stato meraviglioso e ha superato tutte le aspettative.

Controlla la Disponibilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.