La Terrazza Sorrento

Positano

Costiera Amalfitana

Quando John Steinbeck visitò Positano nel 1953, scrisse che era difficile considerare il turismo un’industria perché “non ci sono abbastanza [turisti]”.

Costiera Amalfitana
Costiera Amalfitana

Ahimè, ora ce ne sono più che sufficienti, e il paesaggio verticale della città con case color pastello, tende di bouganville rosa brillante e mare blu zaffiro rendono facile capire perché.

Il villaggio di pescatori più fotografato al mondo, questo favoloso locale ospita circa 4.000 positanesi, che vengono raggiunti ogni giorno da orde provenienti da Capri, Sorrento e Amalfi. La città si aggrappa ai Monti Lattari con edifici cubici arcati, disposti su gradinate sul fianco della montagna, nei toni della rosa, della pesca, del porpora e dell’avorio.

Un nome ora conosciuto in tutto il mondo, le sue origini potrebbero essere una corruzione del greco “Poseidone”, o derivato da un uomo di nome Posides, che possedeva ville qui al tempo di Claudio; o anche dai liberti romani, chiamati Posdii. La teoria più popolare è che il nome “Positano” derivi da Pestano (o Pesitano), una città del IX secolo da un’abbazia benedettina nei pressi di Montepertuso, costruita dai rifugiati di Paestum a sud, le cui case erano state saccheggiate dai saraceni.

Costiera Amalfitana
Costiera Amalfitana

Pisa saccheggiò l’area nel 1268, ma dopo che fu messo in opera un elaborato sistema difensivo di torri di avvistamento, Positano prosperò nuovamente, rivaleggiando brevemente Amalfi. Come feudo delle famiglie napoletane fino alla fine del 17 ° secolo, Positano produsse la seta e, in seguito, i prodotti di tela, ma il declino ricominciò alla fine del XVIII secolo.

Con l’avvento del piroscafo a metà del 19 ° secolo, circa tre quarti degli 8.000 cittadini della città emigrarono in America, principalmente a New York, e alla fine regredirono in un villaggio di pescatori arretrato. Cioè, fino a quando artisti e intellettuali, e poi viaggiatori, riscoprirono i suoi prodigiosi incantesimi nel 20 ° secolo. Picasso, Stravinsky, Diaghilev, Olivier, Steinbeck, Klee, perfino Lenin, erano solo alcuni dei fan talentuosi di questa città. Limoni, uva, olive, pesce, attrezzatura da resort e, naturalmente, il turismo continuano a funzionare, ma nonostante la sua raffinata e sofisticata popolarità, la principale esportazione di Positano rimane il suo bene più prezioso: la bellezza.