La Terrazza Sorrento

Penisola Sorrentina

penisola sorrentina

La Penisola Sorrentina si spinge nel Mar Tirreno come un dito, puntando il dito, le sue spiagge robuste spruzzate da alcune delle spiagge più spettacolari d’Europa, il suo interno bucolico modellato dal calcare dei Monti Lattari.

Villa Fiorentino Sorrento
Villa Fiorentino Sorrento

Naturalmente, la Costiera Amalfitana sulla riva meridionale è ben nota, ma il resto della Penisola Sorrentina è altrettanto bello, meno  occupato e senza i prezzi gonfiati. Ho scoperto solo questo abbastanza recentemente, nonostante sia stato un visitatore regolare per 20 anni. Da Sorrento, lo slog sulla montagna a Positano coinvolge solitamente il traffico paraurti-a-bumper e la prospettiva di molto di più una volta arrivati. Ma dirigetevi a sud da ovest e l’esperienza è molto più rilassata e piacevole.
‘Torna a Surriento’, ‘Torna a Sorrento’, la vecchia canzone va e spesso ho. Mario Lanza, Luciano Pavarotti e Andrea Bocelli hanno cantato tutti su questa cittadina sud-italiana profumata di agrumi, celebrata per millenni. I Greci fondarono l’insediamento di Surrentum, “la città delle Sirene”, intorno al VI secolo aC, ed era lungo questo tratto settentrionale della Penisola Sorrentina che si dice che queste creature mitiche abbiano attirato Odisseo. I Romani costruirono ville opulente e grandi templi lungo la sua riva, mentre nei secoli XVIII e XIX il clima mite, soleggiato e invernale, ispirò Ibsen, Byron, Wagner e Dickens per includerlo nel loro Grand Tours.
Sorrento è un luogo bello con uno spettacolare scenario scogliere di fronte al Vesuvio, sulla splendida baia di Napoli. L’antico centro cittadino è disegnato su una griglia romana di vicoli stretti, ora fiancheggiati da ristoranti che servono gnocchi alla sorrentina (una miscela divina di pomodoro, mozzarella e basilico) e negozi che vendono souvenir a tema a limone.

penisola sorrentina
penisola sorrentina

Ma lontano dai percorsi ben consumati, i nook e le crannie poco esplorati – il Sedile Dominova a volta e finemente affrescato, per esempio, una volta uno spazio di incontro per l’aristocrazia locale ed ora un club di uomini d’affari, dove i vecchietti, mentre lontano i pomeriggi di pomeriggio, giocano carte. Poi ci sono i frutteti e gli appendiabiti tradizionali che si nascondono davanti ai frontali di legno; i palazzi medievali sorprendenti lungo la stretta Via Pietà; il bellissimo cortile di Palazzo Correale decorato con vecchie mattonelle di maiolica; laboratori artigianali che producono la stessa intarsia in legno per la quale la città divenne famosa nel XVIII secolo.
Quando le cose si affollano in estate, mi ritrovo a Marina Grande, il porto di pesca originale dove le vecchie case color pastello e l’aria sonnolenta gli conferiscono un fascino nostalgico. I pescatori rimodellano le loro reti sulla banchina e gli abitanti del luogo si accatteranno con i visitatori a prendere in fritto misto nei ristoranti di waterside. Non sembra diverso da quando Sophia Loren e Vittorio de Sica hanno filmato lo scandalo a Sorrento nel 1950.
Molti arrivano semplicemente per assaporare il sole (insieme al viaggio strano a Capri, Ercolano o Pompei), passando i giorni pigri dalle piscine dell’hotel o parcheggiate su un lettino in uno dei lati colorati sui moli di legno sopra l’acqua.
Se Sorrento ottiene troppo, la tranquilla cittadina di Vico Equense (una volta romana Aequana), che si erge su una piana di tufo lungo la costa, rende una base interessante. Le boschette di spiaggia tendono a dirigersi per le piccole tasche di sabbia inserite nelle calette di Marina di Vico e Marina d’Aequa; i camminatori potrebbero affrontare il vecchio sentiero per Positano, un trekking panoramico da tre a quattro ore sulle montagne; i colti di cultura salgono sul treno Circumvesuviana per marciare intorno alle antiche rovine di Pompei ed Ercolano.

sorrento beach crapolla
sorrento beach crapolla

Vico Equense ha anche alcune gravi credenziali alimentari, con un notevole numero di ristoranti e artigiani tradizionali sulle colline terrazzate sopra la città, come La Tradizione, un salone eccezionale che mostra gli ingredienti locali appena fuori dalla strada principale per Seiano. C’e ‘anche il formaggio Fernando de Gennaro, che produce sia il vergine, l’ovoide Provolone del Monaco e il fior di latte, una mozzarella di latte di vacca e la piccola azienda agricola olio d’oliva ripida di Rosa Russo che vende la sua extra-vergine L’Arcangelo a Eataly a New York. Anche qui si trova l’azienda vinicola Abbazia di Crapolla, due ettari di viti coltivate intorno ad un magazzino benedettino benedettino risalente al XII secolo a 300 metri sopra il mare. Il suo Sireo è una miscela eccezionale delle uve Fiano e Falanghina che scoppiano con il gusto del sole, del mare e dell’aria fresca di montagna che si spazza dal Monte Faito.
Situato sulle colline appena sotto la cresta che divide Sorrento dalla piana costiera meridionale, si trova il paese di Sant’Agata sui Due Golfi, chiamato per il suo dominio dei golfi sia di Napoli che di Salerno.

Oggi è una comunità agricola occupata famosa come sede di Don Alfonso 1890, una delle grandi istituzioni alimentari del sud dell’Italia. In una zona non a corto di una vista o due, alcuni dei più spettacolari dovranno essere provenienti dal belvedere del monastero benedettino ben desotto, il deserto, che è vicino e abitato da un ordine chiuso di monache piuttosto crotchety che si aspettano un po ‘di qualcosa quando parti.

A ovest ed a sud-ovest di Sorrento si trova un entroterra collinare – la strabiliante Massa Lubrense – e un tratto selvaggio e bello della costa che gli sviluppatori, finora almeno, non sono rimasti intatti. La Costiera Amalfitana deve essere stata un po ‘come questa prima delle folle: piccole spiagge e calette piegate in scogliere rocciose; terrazze collinari piantumati con uliveti, frutteti di agrumi e giardini di cucina pulita; piccoli borghi con case di pietra sormontate da gerani luminosi e bougainvillae; strade di passaggio magre che si arrampicano sopra il mare scintillante e cobalto. E tutto intorno, opinioni, opinioni e più viste. Si dice che la regina Joan II, che ha governato Napoli nel XV secolo, ha scelto un posto appena fuori dalla strada oltre Capo di Sorrento per fare il bagno nelle acque limpide. Conosciuta localmente come Bagni della Regina Giovanna, l’insenatura profonda è protetta dal mare aperto e vicino alle rovine di una villa romana una volta splendida. È ancora un ambiente incantevole per una nuotata, soprattutto se è deserto, come spesso avviene.

capolagala
capolagala

Massa Lubrense ospita frazioni e antiche torri di guardia, un ricordo di invasioni ripetute nel corso dei secoli, circondato da agrumi e uliveti. Le reti sono allungate tra gli alberi da ottobre in poi, quando il gonfio, il frutto maturo inizia a cadere, poi rotolato e legato, ancora sospeso, una volta che il raccolto è completo. Il borgo di Santa Maria Annunziata merita una sosta per i suoi splendidi panorami di Capri ed un pasto tradizionale a La Torre; si dice che Joachim Murat (re di Napoli e cognato di Napoleone) diresse la battaglia di Capri, quando l’isola fu strappata dalle mani inglesi, dalla vicina Villa Rossi nel 1808.

 

Le strade tortuose di Sorrento

L’area è attraversata da gloriosi sentieri per passeggiate da Termini fino alla punta della riserva naturale di Punta Campanella, attraverso ulivi, mirto e macchia mediterranea, prima di immergersi ripido verso il mare, fino al faro e alla torre di guardia che fu costruito sul sito di un tempio dedicato alla dea Minerva. Da qui, a soli cinque chilometri in mare aperto, Capri sembra abbastanza vicina da toccare, e gli unici suoni sono il mare incombente, la frusta del vento e il grido piangente dei gabbiani.
La strada raggiunge solo il litorale di Marina del Cantone, un’estensione al mare del tranquillo villaggio di Nerano, per esplorare il tratto di costa solitario tra qui e Positano è necessario noleggiare una barca. Un dolce scivolamento verso est rivela i campi selvaggi, le piccole isole rocciose, le tasche di spiaggia di ghiaia e le grotte marine sbadigliate. Al di là dell’isola di Isca, una volta di proprietà del grande drammaturgo napoletano Eduardo de Filippo, è il Fiordo di Crapolla, un profondo abbattuto sulle scoscese calcaree ripide di un rottame di spiaggia, di una vecchia cappella e di alcune capanne di pescatori abbandonati. È un ambiente drammatico per fare una nuotata, e come l’unico modo per arrivarci, tranne un camminamento al torso da tremante al torso, è marittimo, non è inusuale farlo a te stesso.
La Marina del Cantone stesso si estende lungo una striscia di spiaggia di ciottoli sostenuta da caffè, bar e ristoranti con barche da pesca tirate su la scogliera. Occupato nei mesi di luglio e agosto con lettini a sdraio e ombrelloni colorati, è molto apprezzato dagli yacht di Positano e Capri che arrivano a terra per mangiare spaghetti con le zucchine al ristorante Lo Scoglio. Ho soggiornato qui a metà ottobre, poco prima che il posto abbassasse i portelli per l’inverno. Il sole brillava, il mare era abbastanza caldo da nuotare, e le uniche anime sulla spiaggia erano un paio di pescatori. Dopo aver trascorso tutti questi anni a esplorare ogni centimetro dell’Italia meridionale, mi sono sentito di aver inciampato in una vera e propria scoperta.