La Terrazza Sorrento

Blog

processione bianca sorrento

Pasqua a Sorrento

Due Processioni di Pasqua molto speciali a Sorrento

La Pasqua a Sorrento è un bizzarro mix di celebrazioni religiose e felicità delle vacanze. Centinaia di sorrentini partecipano a due sfilate di Pasqua davvero speciali. La prima di queste, la Processione Bianca, si svolge durante la notte del giovedì prima di Pasqua ed inizia alle tre del mattino. Le strade sono deserte, ma la strada è fiancheggiata da lampade tremolanti e figure spettrali possono essere viste scivolare attraverso le strade secondarie. Tutte le chiese sulla strada sono aperte e prima di quel giorno i loro altari sono stati decorati per una “passeggiata intorno ai sepolcri”. I rami di ulivo sono spesso presenti in queste decorazioni, in quanto vengono utilizzati per le celebrazioni della Domenica delle Palme invece che le palme.

processione bianca sorrento
processione bianca sorrento

Una banda accompagna questa prima processione ed il suono di musica calma e straziante precede la visione di figure bianche ammantate e incappucciate, ognuna con una torcia fiammeggiante, che illumina le strade. Questa è una processione di speranza ed i confratelli portano un’immagine della Vergine Maria che sta cercando suo figlio Gesù. L’intera processione si ferma davanti a ciascuna chiesa sul suo percorso e Maria viene portata dentro per vedere se suo figlio è lì. Fuori dalle chiese, altre figure incappucciate attendono in silenzio, nessuno pensa a rompere i ranghi e non si pronuncia una sola parola – solo una strada piena di figure vestite di bianco che aspettano e sperano.

L’intera esperienza è surreale e la mattina dopo, passeggiando per le affollate strade di Sorrento, ti chiederai se è davvero successo o se l’hai sognato. Durante tutta la giornata, le folle si riverseranno nella città e il traffico sarà probabilmente vietato nel centro mentre la città si riempie. L’attrazione principale di questo giorno, il Venerdì Santo, è la seconda processione, la Processione Nera o la Processione della Morte, molto più cupa. Le folle iniziano a tracciare il percorso diverse ore prima che inizi e gli spettatori si arrampicheranno sulle pareti per trovare buoni punti di osservazione. È impossibile seguire questa sfilata per le strade a meno che non si cammini dietro di esso quando gli spettatori in partenza lasciano spazio per muoversi.

processione nera
processione nera

Alcune persone sentono che questa seconda processione sfiora il macabro e certamente l’effige di Gesù che si innalza in alto è inquietantemente realistica con le crudeli spine della corona che gli trapassano la testa. È accompagnato da una Vergine Maria in lutto. Ogni speranza è persa quando ha trovato il suo figlio morto. La musica di accompagnamento è una musica funebre accompagnata dal tintinnio e dal canto del Miserere. Tutti i partecipanti sono vestiti di nero e molti indossano cappucci ma non tutti. È un enorme corteo funebre guardato da migliaia di spettatori – un evento memorabile.

Le radici di queste processioni, probabilmente risalgono al 1500 quando erano molto semplici ed i fratelli dell’ordine monastico (la confraternita) responsabili dell’organizzazione li percorrevano per le strade in pianura con lampade accese, cantando salmi e portando una croce di legno spoglio. Probabilmente intorno al 1700 sotto il dominio del vicereame spagnolo le processioni furono influenzate dai sacerdoti gesuiti che introdussero la tradizione di trasportare simboli e norme della Confraternita, in particolare nella Processione Nera. Nel 1806 il numero dei fratelli e dei frati nei conventi locali era notevolmente diminuito, così il re di Napoli “invitò” altri Sorrentini a partecipare alla processione. Questo invito si ripete ancora oggi e molte persone locali, in particolare i giovani,

sorrento shop
sorrento shop

C’è molto da esplorare a Sorrento durante il giorno tra le due processioni. Un buon inizio è la terrazza accanto alla Chiesa di San Francesco che si affaccia sul Golfo di Napoli . Dall’altra parte del golfo potremo vedere Napoli ed il Vesuvio che sovrasta la città. Nelle vicinanze si trova la Piazza S. Antonino sede della Basilica di S. Antonino. Una basilica è una chiesa dedicata a un santo particolare, in questo caso è Sant’Antonino. La maggior parte delle statue di questo santo lo mostrano in piedi su una creatura marina poiché la leggenda più famosa di lui racconta di quando era sulla spiaggia di Sorrento e salvò un bambino che era stato inghiottito da una balena. Ci sono due ossa di balena nella chiesa che si dice provengano da questa creatura. Ha anche fama di essere il santo patrono per i salvataggi e la chiesa è decorata con regali di marinai sopravvissuti ai naufragi. Vicino alla basilica si trova il Teatro Tasso, il cui programma presenta regolarmente una serata di danze e canti tradizionali. Sul lato opposto di Piazza Tasso si trova un bellissimo palazzo, costruito nel XIV secolo in stile catalano. È stato trasformato con l’aggiunta di un Esedra Maiolicata (cortile della maiolica) durante il XVIII secolo e attualmente ospita il fioraio Ruoppo ed ospita spesso mostre per consentire ai visitatori di entrare nell’edificio per ammirare il cortile.

sorrento prodotti tipici
sorrento prodotti tipici

Siccome il Venerdì Santo non è un giorno festivo, tutti i negozi sono aperti ed i souvenir originali di Sorrento sono decorati con i limoni. I negozi ‘Lemon’ sono stipati di ogni prodotto che può essere fatto usando limoni o un aroma al limone e gli scaffali sono pieni di bottiglie assortite di liquori, pacchetti di biscotti, scatole di cioccolatini, barattoli di marmellata, saponi e cosmetici. I limoni crescono molto facilmente lungo la costa di questa regione, la Campania, e sono tanti i documenti e gli affreschi che registrano la coltivazione del tipico limone ovale di Sorrento dalla fine del primo secolo. I padri gesuiti furono i primi ad impiegare le caratteristiche terrazze per coltivare i limoni a Sorrento durante il XVI secolo, quando qui venivano esportati limoni dal Sud America e venivano piantati estesi agrumeti. I limoni sono protetti dai venti salmastri e dai venti del nord da pergolati realizzati con stuoie di paglia. Questi pergolati rallentano la crescita del frutto risultando nella loro unica tonalità gialla. Sono usati per produrre il Limoncello, un liquore al limone che viene prodotto in questa regione. Solo i limoni raccolti al mattino vengono utilizzati per la semplice e tradizionale ricetta antica che utilizza la buccia fresca imbevuta di alcol. Viene servito ghiacciato e rende un ottimo drink dopo cena. Una variante cremosa di questa bevanda è prodotta con l’aggiunta di latte e panna.

La domenica di Pasqua è il giorno per uscire. È considerato l’inizio della primavera ed un momento in cui tutti escono e in cima alla lista è il pranzo a Sorrento seguito da alcuni acquisti. Negli hotel locali la giornata inizierà con una festosa colazione di Pasqua, uno splendido buffet con panini speciali di Pasqua e una torta salata a base di uova intere: il Casatiello. Il pezzo centrale di un tale buffet è spesso un enorme uovo di Pasqua di cioccolato decorato con fiori di zucchero.

casatiello sorrento
casatiello sorrento

Anche il pranzo di Pasqua a Sorrento è un affare elaborato. Per molti italiani il pranzo sono ancora il pasto principale della giornata e tutto si ferma a mezzogiorno quando le famiglie si incontrano per godersi questa piacevole passeggiata. Il pasto inizia spesso con un antipasto, mangiato prima del pasto. Ci sono numerose varietà regionali di questo corso dalle verdure fredde condite con olio d’oliva, fette di formaggio, prosciutto crudo, altre carni e piatti a volte caldi come verdure fritte e pesce e talvolta una miscela di questi, un antipasto misto è servito. Il primo piatto viene dopo e comprende un piccolo piatto di pasta o risotto o zuppa. Il secondo è una piccola porzione di carne o pesce con verdure leggermente cotte o un’insalata. Formaggio, che viene sempre mangiato con pane e frutta fresca, viene servito a fine pasto e infine un espresso (piccolo caffè nero forte). Acqua minerale e vino accompagnano questo pasto e il pane viene consumato dappertutto. I pasti italiani sono equilibrati, un corso leggero sarà seguito da un corso pesante o viceversa e sapori delicati non sono mai preceduti da sapori forti che li travolgerebbero. In Italia mangiare è veramente un’arte.

Dopo una pausa per digerire questo grande pasto è il momento di “passeggiare” e sfogliare i negozi locali. Sorrento è famosa per la sua arte dell’intarsio e le stradine sono caratterizzate da negozi specializzati pieni di splendidi esempi di questo mestiere. Questa tecnica dell’intarsio aveva origine a Siena durante l’undicesimo secolo quando era usata per decorare mobili e pannelli della chiesa. I Romani furono i primi a usare le faccette di legni più attraenti per coprire le varietà più semplici – una tecnica economicamente ispirata che faceva crescere un albero. Oggi la città di Sorrento è il centro di una fiorente industria di intarsio e fin dai primi anni del XIX secolo i suoi professionisti altamente qualificati hanno creato una vasta gamma di lavori intarsiati e intarsiati.

 

https://www.facebook.com/SettimanasantaSorrento

1 comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *